Back to All Events

C' è Vulcanei al Castello di Lispida a Monselice (Pd) dal 12 al 14 maggio


Vulcanei 2018 940x940.jpg

Saranno oltre 70 le aziende presenti a Vulcanei - da sabato 12 a lunedì 14 maggio presso il Castello di Lispida a Monselice (PD) - con i loro vini da suoli vulcanici. Un’offerta che non ha eguali e classifica la manifestazione euganea a pieno titolo come il più grande banco di assaggio di vini da suolo vulcanico e non solo in Italia. Protagonisti di Vulcanei - organizzata dal Consorzio Vini Colli Euganei in collaborazione con la Strada del Vino dei Colli Euganei e il Consorzio Terme Euganee - saranno i Colli Euganei con i loro vini bandiera, dal Fior d’Arancio al Colli Euganei Rosso, e le altre aree vulcaniche italiane, dal Veneto con Soave, Lessini Durello, Colli Berici e Gambellara, all’Italia centrale con Pitigliano dalla Toscana, Frascati dal Lazio, Orvieto dall’Umbria, ma anche la Tuscia, che abbraccia queste tre Regioni. Dal Sud la Campania dal Vesuvio ai Campi Flegrei, dall’Alta Irpinia ad Ischia; la Basilicata con il Vulture e il suo Aglianico; la Sicilia con l’Etna, Lipari e Salina; la Sardegna con Mogoro (Oristano) e Bonnanora (Sassari). Ospiti speciali saranno le etichette dai territori ungheresi del Lago Balaton e del Tokaj e i vini dell’isola greca Santorini. 

Vulcanei è un evento irrinunciabile per operatori, appassionati e curiosi dei vini da suolo vulcanico - vini particolari, interessanti, complessi e longevi - che accomunati da questa origine sono da qualche anno al centro di Volcanic Wines, il progetto internazionale per valorizzarli e promuoverli. Oltre alle numerosissime etichette proposte dalle aziende ai banchi d’assaggio al Castello di Lispida sono in programma quattro degustazioni a cura dell’Ais, guidate da Vito Francesco D’Amanti. Sabato 12 sarà la volta dei "Bianchi dalle Alpi alle piramidi” (ore 12) e dei “Rossi lavici” (ore 17); domenica 13 si degusteranno "Bollicine esplosive" (ore 11) e si apprezzeranno nei vini "I colori del vulcano" (ore 13). Grande è l’attesa per le due master class condotte da John Szabo, ospite dell’edizione 2018 di Vulcanei. Domenica 13  (ore 15) il massimo esperto di vini vulcanici al mondo condurrà i partecipanti in un viaggio emozionante alla scoperta di come l'imprinting vulcanico si declina nei vari terroir, dal Lago Balaton in Ungheria all’isola greca di Santorini e poi nelle diverse aree italiane, da nord a sud, con la “dolce chiusura” del Fiori d’Arancio passito dei Colli Euganei. Per la prima volta Vulcanei si prolunga fino al lunedì per favorire la partecipazione degli operatori dell’horeca, ma le porte saranno aperte a tutti indistintamente, mentre riservata agli operatori sarà la seconda master class con John Szabo (lunedì 14: ore 15) imperniata completamente sui vini dei Colli Euganei, area vulcanica nel cuore del Veneto dove il vino gioca, insieme al termalismo e alle bellezze naturalistiche e culturali, un ruolo di grande importanza. “Anche grazie ad alcune decine di aziende vitivinicole che producono vini e oli extravergine di oliva eccellenti - sottolinea Franco Zanovello, presidente della Strada del Vino dei Colli Euganei - unitamente al buon livello di ristorazione e hotellerie e alla presenza del Parco Regionale e Biodistretto, in dieci anni le presenze connesse al turismo enogastronomico si sono triplicate”.  

Si potrà apprezzare l’offerta gastronomica dei Colli Euganei nei tre giorni di Vulcanei grazie alla presenza al Castello di Lispida delle aziende socie di Strada del Vino Colli Euganei.  

Il programma, altre info e la lista delle aziende presenti si trovano sul sito www.vulcanei.wine/   e sulla pagina www.facebook.com/Vulcanei/ https://www.instagram.com/vulcanei_wine/?hl=it